BELLEZZA È VERITÀ – Bergamo

BELLEZZA È VERITÀ Incontro con: SILVANA DE MARI Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Scrittrice fantasy e LUCA DI TOLVE Fondatore del Gruppo Lot, Scrittore Venerdì 7 luglio 2017 – ore 20:45 Presso la: Sala del Convento dei Frati Minori Cappuccini Via dei Cappuccini, 8, 24121 Bergamo (BG)

Bellezza è Verità – Brescia

Bellezza è Verità Come disturbare le frequenze del “politicamente corretto” 12 maggio 2017 – ore 21:00 Incontro con: Silvana De Mari Luca di Tolve Paolo Gulisano Presso il: Teatro Sant’Afra – Vicolo dell’Ortaglia, 6, 25121 Brescia (BS) Contatti ed info: 3288328244 – brescia4family@gmail.com

Possiamo davvero abbandonare l’idea di verità?

Secondo Richard Rorty , “la mente non è uno specchio“. Con questa metafora, il filosofo americano intende salutare definitivamente la tradizione occidentale ed in particolare la filosofia moderna e contemporanea, per passare finalmente e compiutamente al “postmoderno“. Categoria curiosa e decisamente appetibile, questa, per chiunque proprio sulla base della stessa supremazia dell’ermeneutica affermata dai “post-moderni” volesse porre domande e obiezioni. Comunque sia: l’esito …

Nel superiore interesse del minore!

Nel superiore interesse del minore. Il superiore interesse del minore sarebbe dargli due genitori “possibili”, se la Logica non è una opinione. “Nel superiore interesse del bambino” è la verità, non l’ideologia. “Nel superiore interesse del bambino” non gli si fa il lavaggio del cervello raccontandogli che son solo stereotipi e pregiudizi che due persone dello stesso sesso sono una famiglia …

Madre e figlio entrambi transessuali

Una madre ha distrutto la virilità del figlio e gli ha rubato il pene. Così ha saldato i conti al padre di quel bambino, ha saldato i conti del suo odio a tutti gli uomini e della sua rivalsa su di loro. Che nella foto manchi il padre, cioè manchi un uomo, è tragico: il figlio un uomo non lo …

Ma smettetela, ipocriti.

E basta con questa schizofrenia ed il cripto linguaggio complice della deriva che i giornali adottano, strizzando l’occhio alla nuova casta di intoccabili. Per cui certe pratiche oscene possono essere sottintese nelle pubblicità (quando non direttamente pubblicizzate in certi siti altamente educativi) però non si possono dire le cose come stanno perché poi le espressioni che si usano sono “irripetibili”. …

Ma la “post-verità”, è vera o falsa?

Parafrasando Wittgenstein (“su ciò di cui non si può parlare si deve tacere”…).   Come è facile notare, il riferimento al vero e al falso rimane ineludibile: quello che si dice è vero o falso? Se la risposta è “dipende”, allora: da cosa dipende?   La stessa nozione di “post-verità” – oggi tanto di moda – non può che fare …