Chiara Chiessi (Presidente Universitari per la Vita): “Questo bambino infatti, interroga le coscienze di ognuno di noi”.

  La Corte di Strasburgo ha decretato la morte di Charlie, un bambino di 10 mesi affetto da sindrome da deperimento mitocondriale. Siamo caduti nel baratro più profondo, nell’aberrazione più nera, nella disumanizzazione più completa. Per impedire tutto questo e per il diritto alla vita di Charlie, gli Universitari per la Vita hanno deciso di inviare un appello al Presidente …