L’era della psicosi sociale: ad alto tasso di contagio

Siamo nell’era della psicosi sociale, della negazione dell’evidenza più incontrovertibile. Uno stato di paurosa sofferenza psichica, ad alto tasso di contagio, che attraversa paesi e generazioni intere. La sua origine è il senso del male, la percezione del male, la consapevolezza del proprio male. Che è prima di tutto finitudine: l’essere finiti, il dover finire. Per questo si cerca salvezza …