RESTIAMO UMANI : COMBATTIAMO PER ISRAELE contro l’olocausto nucleare, contro la follia, contro tutti i cretini del mondoo

Report 2011 del dipartimento di Stato Usa sul traffico di esseri umani nella Repubblica islamica: vero e proprio bazar della carne

Il Dipartimento di Stato americano ha pubblicato il report 2011 in merito al traffico di esseri umani nel mondo. Il rapporto divide gli Stati in tre categorie (1,2,3), inserendo nell’ultima fascia (la terza per l’appunto) i Paesi ove il traffico di esseri umani è più alto. In questa categoria il Dipartimento di Stato americano ha inserito per la sesta volta consecutiva anche l’Iran.
La Repubblica Islamica, infatti, è uno dei Paesi fonte, di transito e di destinazione, di donne, uomini e bambini destinati ad essere abusati sessualmente o ad essere sfruttati. Secondo il report, infatti, nell’Iran degli Ayatollah le donne sono costrette alla prostituzione o a matrimoni coatti (spesso vendute a tal fine anche a uomini in Pakistan) e centinaia di bambini sono vittime di traffici illegali a scopo sessuale. Talvolta le bambine sono costrette prima ad accettare matrimoni forzati e poi avviate direttamente alla prostituzione.
Il traffico sessuale delle donne e dei bambini iraniani si estende quindi in Pakistan, Turchia, Qatar, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Bahran, Iraq, Francia, Germania e Inghilterra. Un bambino iraniano, ad esempio, può essere venduto all’estero per un prezzo che varia dai 12 ai 20 dollari (in Iran viene venduto per soli 5 dollari…). Come detto l’Iran non è solo fonte di esseri umani ma anche territorio di passaggio: dall’Iran, infatti, passano numerose donne e bambini afghani che vengono commerciati a fini sessuali nell’intero Golfo Persico. Va ricordato che in Iran vivono almeno un milione di profughi afghani costantemente a rischio di essere soggetti di traffici illeciti. Una sorte simile tocca alle centinaia di donne che dell’Azerbaijan e del Tajikistan raggiungono la Repubblica Islamica per trovare un lavoro e che spesso vengono avviate direttamente alla prostituzione.
Insomma,si tratta di una situazione davvero drammatica a cui – come denuncia il Dipartimento di Stato americano – la Repubblica Islamica non sembra voler dare alcuna risposta concreta. A nulla sono valse sinora le pressioni per far approvare in Iran una legge che punisce questo tipo di traffici illeciti e che sia in grado di tutelare opportunamente le vittime.
La notizia in Italia è stata riportata dalla pagina Facebook “Progetto Iran: informare per non dimenticare”, da tempo impegnata attivamente nel denunciare quanto accade quotidianamente in Iran. Esemplare il commento riportato nella pagina a margine della notizia: “il regime, ancora una volta, invece di pensare a risolvere problemi importanti come questi, persiste nel portare avanti un pericoloso programma nucleare e missilistico…davvero vergognoso!!!”.

 

Per chi non lo sapesse, magari negli ultimi 8 anni è stato nascosto sotto ad un sasso, oppure ha letto come unica fonte di informazione L’Unità il Manifesto e Famiglia Cristiana, l’Iran si sta preparando all’olocausto nucleare dello  stato do Israele. 7 milioni di persone. Però tutti fingono di credere che l’Iran, che galleggia sul petrolio, abbia  necessità di centrali nuclari, ed hanno anche dato il solito ridicolo nobel la pace allo zuzzerellone di turno, il capo della Agenzia per l’energia atomica, che sosteneva questa idiozia. Alla Germania è stata necessaria una guerra mondiale e diversi anni per distruggere 6 milioni di ebrei, all’Iran potrebbero essere sufficienti 9 minuti.

Quando anche noi avremo la bomba atomica , il problema palestinese sarà risolto ( Ayalollah Katami), quindi grazie a tutti questi gentiluomini e ai loro simpatizzanti, stiamo di nuovo tranquillamente parlando della distruzione di Israele. No, non penso che questi popolo siano nazisti perchè sono poveri, penso che siano poveri in quanto nazisti e guerrafondai, penso che se la piantassero di essere nazisti e guerrafondai, le loro terre fiorirebbero di ricchezza e turismo.  

La prostituzione in Iran è resa legale dall’usanza propria dell’islam sciita del matrimonio a tempo. Un uomo sposa una donna, comprandola, cioè pagandola al suo tutore e dopo 5 o 6 ore la ripudia. Mio Dio, che splendida religione l’islam, così intelligente e spirituale! Nelle linee teoriche voglio dire, non nei comportamenti dei singoli, che appartengono ai singoli. Che religione profonda e geniale, con le dispute teologiche fatte su quanti millimentri di passerina bisogna tagliare alle bambine nella circoncisione consigliata dalla sharia. Come non restare incantati. Ogni verso del corano gronsa intelligenza e spiritualità, quelli che descrivono il paradiso dei maschi, con giovinetti e fanciulle a volontà, quello che chiede di uccidere gli infedeli ovunque si trovino.  In iran grazie all’AiatollaKomeini, osannato dalle femministe occidentali in quanto si opponeva alla fallocrazia colonialista del cristianesimo, una bambina di 8 anni è considerata una donna sposabile, in memoria della terza moglie di Maometto. L’Iran, luogo una donna può essere frustata per non aver messo bene il velo, dove una dodicenne rimasta incinta dopo uno stupro di gruppo subito dagli amici del fratello maggiore è stata lapidata, è al momento presidente della commissione diritti delle donne dell’Onu.

Appartenere all’onu è un disonore e una vergogna. Cominciamo a prendere in esame l’idea di non farne parte, come ha campato senza farne parte la Svizzera, per esempio, non è un’idea fuori dal mondo. Con quello che risparmieremmo, daremmo  anche una mano al pil.
Vostra affezionata sdm.

Ogni giorno più buoni ogni giorno più politicamente corretti.

 

Rispondi