profughi e sistemi etici

1)Chi sostiene che è meglio soccorrere i profughi, che lasciarli morire in mare? tutti

2)Chi ritiene che sia meglio tenerceli contro i nostri interessi che rispedirli in luoghi dove sono sottoposti a sofferenze?  Quasi tutti

3)Chi ritiene che sarebbe sbagliato espellere da oggi al domani tutti i cittadini di origine islamica? tutti

 

per inciso nessun partito europeo, ha mai sostenuto seriamente l’idea di lasciare i naufraghi al proprio destino. Questi naufraghi potrebbero tranquillamente crepare dove sono per tutte le nazioni nordafricane, che li lasciano morire senza intervenire. Io sono molto fiera di appartenere a un sistema di civiltà, quello biblico evangelico, che manda a mie spese le navi da guerra a ricuperare barconi in fase di naufragio nelle acque territoriali libiche, dove i libici li stanno facendo tranquillamente crepare. Non è vero come sostengono nel loro delirio gli storici marxisti e postmarxisti che quei naufraghi sono poveri perché io li ho depredati, leggete Bruckner, il mondo occidentale che depreda il mondo africano e quindi deve assistere i poveri della terra è un altro crimine intellettuale creato dalla storiografia marxista, come è falso che la presenza di immigrati in Europa sia utile alla nostra economia. Non dobbiamo niente  a nessuno e per noi sono un danno. Li soccorriamo lo stesso. Allora: la prima e più importante parte della compassione, di gran lunga più importante della bottiglietta di acqua e del panino è la verità. Noi non diciamo la verità: la nostra civiltà è migliore di quella che vi lascerebbe morire. La civiltà ebraico cristiana, vi viene a salvare perché è basata sull’individuo: ognuno di voi è unico ed irripetibile e non sopportiamo che muoia. I vostri governanti che verbalizzano ( Boudienne Ghedaffi) che site un esercito invasore e che se anche una parte di voi morirà nell’invasione, ne resteranno abbastanza per portarla a termine appartengono a un sistema etico inferiore al nostro.

I luoghi da cui provengono molti di questi naufraghi sono inferni in terra creati da governi criminali. La verità è che questi governi sono ripugnanti, sono loro la causa della miseria dei loro sciagurati sudditi, non le mitiche multinazionali che hanno sostituito la congiura plutodemogiudaica di hitleriana e staliniana memoria. Se il Sudan è uno stato canaglia, con un genocidio in corso, perché tollero ancora un solo giorno di far parte di un Onu che ha il Sudan alla vicepresidenza alla commissione dei diritti umani. Se lo Zimbawe e l’Iran sono stati canaglia, perché spreco il denaro a mantenere a Roma un’immonda Fao che serve solo a proteggere questi dittatori, a foraggiarli e a dar loro un megafono perché loro e le loro simpatiche consorti latrino contro le democrazie occidentali? Perché non mi decido, come Popper a dichiarare che niente come le democrazie occidentali rispetta l’uomo, perché sono il sistema migliore.  

Sarebbe sbagliato e razzista espellere una minoranza? Certo. Allora è stato sbagliato, razzista e ignobile anche quando lo hanno fatto le nazioni nordafricane, perché se voi signori non lo dite chiaro e non lo scrivete sui vostri libri, il senso è: è giusto che i paesi islamici espellano cristiani ed ebrei, ed è sbagliato che i paesi cristiani espellano i musulmani, perché i musulmani sono superiori, ed è nel loro destino conquistare il mondo.

 

 

Il sindaco di Genova che, contro i propri cittadini, contro i propri elettori, sotto Natale, come un colpo di mano, in un aula semideserta perché è Natale, decide di costruire l’ipermoschea in centro, non è campione dell’amore tra i popoli, ma una dhimmi. Quella moschea sarà un disastro per tutti i profughi dalla barbarie e dalla violenza che c’è nei paesi islamici perché l’islam ne è causa.

In quella moschea di cinquemila metri quadrati ci sarò una madrassa, una delle tremende scuole coraniche e verrà insegnato il tremendo Corano. L’articolo 3 della costituzione dice che sono rispettate le religioni se non contraddicono l’ordinamento dello stato. Un religione anticostituzionale non può essere rispettata. Il Corano insegnato in questa madrassa sancisce: Uccidi gli infedeli dovunque si trovino, che è contrario alla mia costituzione. Posso capire che ogni cittadino abbia il diritto di costruirsi un suo luogo di culto, ma perché fare una moschea statale? Perché il comune di Genova paga per un luogo di culto dove si insegnano cose che secondo il nostro ordinamento giuridico sono crimini?

 

Voi dite la verità agli immigrati? Perché il vostro primo dovere è la verità, o li rinchiudete in un muro di menzogne, di ipocrisia di non detto?

Voi dite a queste persone: il mio sistema etico è migliore? Voi pensate, pensate veramente, che occidente e islam si equivalgano? Se la risposta è no, perché permettete che venga detto?