Parigi, Francia Europa.

Buon giorno, un giorno pieno di dolore , e di sangue e paura, un giorno dove tutti i nodi della menzogna sono venuti alla superficie e hanno ucciso. 

Chi sta massacrando è l’Islam, religione che ha scritto nel suo libro sacro Uccidi gli infedeli ovunque si trovano. Chi ha ucciso è un Europa ( e una Francia) che ha rinnegato se stessa , che ha rinnegato la propria storia , che ha rinnegato i propri morti, che soprattutto ha rinnegato Dio e ora raccoglie la distruzione. Non abbiamo più frontiere. Chiunque può entrare ad uccidere i nostri figli. Non abbiamo più valori. Chiunque puó avere il valore di uccidere i nostri figli. 
Siamo in guerra, chiunque neghi questa realtà sta mentendo. Questa Europa che ha ignorato i cristiani sterminati in Irak, i bambini di 12 anni crocefissi, la bambine stuprate nei bordelli , le chiese bruciate con i fedeli dentro , ora conta i suoi morti . Non saranno gli ultimi.
L’Islam si ferma per via religiosa, non per via laica, o l’Europa ritrova la sua anima o sarà spazzata via, quindi ora ritroviamo la nostra anima.
L’Europa deve convertire se stessa e poi convertire coloro che dalle terre dell’islam sono venuti qui perché solo così possono non essere invasori e diventare fratelli. Quindi in questo giorno di dolore dobbiamo trovare la collera , la collera per dire che chiunque affermi che l ‘islam è o possa essere una religione di pace sta mentendo. E poi troveremo il coraggio, il coraggio per affermare che un libro che scrive che é giusto uccidere gli infedeli ovunque si trovano, che è un dovere crocifiggere , bruciare, tagliare gambe e braccia a chi si oppone ad Allah, che i più cari al cuore di Allah sono coloro che muoiono mentre uccidono per lui è una religione falsa creata da un uomo che non conosceva Dio. Chi ha ucciso a Parigi sono uomini islamici che applicavano i dettami del Corano.
Buon giorno. Che sia un giorno buono, il giorno dove ritroviamo la fede e il coraggio, la via per salvare noi e gli altri.
Un giorno dove con la rabbia rinasca l’orgoglio, che sia il giorno dove ritroviamo la forza della ragione, così che l ‘Apocalisse sia scongiurata, un giorno dove ritroviamo la compassione e il coraggio, la compassione per dire ai fratelli nati nell’islam che la gabbia di oscurità e crudeltà in cui vivono puó essere infranta. 
E allora il sangue versato non sarà stato invano. 
La verità vi renderà liberi. La menzogna renderà schiavi. 
Non permettiamo più la menzogna. Che oggi nascano verità e coraggio. Accendiamo le nostre candele e soprattutto facciamo suonare le nostre campane. Andiamo a riempire le nostre chiese, che quei morti siano accolti nella luce, che il coraggio riempia i nostri cuori. E insieme al coraggio la speranza che un mondo dove questo non accade è possibile e che noi siamo in grado di costruirlo. Ogni epoca ha la sua battaglia . La nostra è questa.
Ce la faremo.