Neuroscienze – Ruolo materno

 

Uno studio pionieristico ha dimostrato per la prima volta che i cervelli di uomini e donne sono cablati in modo diverso, il che potrebbe spiegare secondo gli scienziati alcune delle differenze stereotipate di comportamento maschili e femminili.

I ricercatori hanno trovato che molte delle connessioni in un tipico cervello maschile intercorrono tra la parte anteriore e la parte posteriore dello stesso lato del cervello, mentre nelle donne i collegamenti vanno da una parte all’altra tra gli emisferi destro e sinistro del cervello.

Lo studio ha scoperto che questa differenza nel modo in cui le connessioni nervose nel cervello vengono “cablate” si verifica durante l’adolescenza quando molti dei caratteri sessuali secondari come i peli del viso negli uomini e del seno nelle donne si sviluppano sotto l’influenza degli ormoni sessuali.

I ricercatori ritengono che le differenze fisiche tra i due sessi nel modo in cui il cervello è cablato potrebbe svolgere un ruolo importante nel capire il motivo per cui gli uomini sono in generale migliori nei compiti spaziali che comportano il controllo muscolare, mentre le donne sono migliori in compiti che coinvolgono la memoria verbale e l’intuizione.

Test psicologici hanno costantemente indicato una differenza significativa tra i due sessi nella capacità di eseguire varie operazioni mentali, con gli uomini che superano le donne in alcuni test e donne che superano gli uomini in altre. Ora sembra che ci sia una spiegazione fisica, dicono gli scienziati.

“Queste mappe ci mostrano una netta differenza – e la complementarietà – nell’architettura del cervello umano che aiuta a fornire una potenziale base neuronale per spiegare perché gli uomini eccellono in alcuni compiti, e le donne in altri”, ha detto Ragini Verma, professore di radiologia presso l’Università della Pennsylvania a Philadelphia.

“Quello che abbiamo individuato è che, se lo si considera in gruppo, ci sono collegamenti nel cervello che sono cablati in modo diverso negli uomini e nelle donne. I test funzionali hanno già dimostrato che quando effettuano alcuni compiti, gli uomini e le donne impegnano parti diverse del cervello “, ha detto il professor Verma.

La ricerca è stata condotta su 949 persone – 521 femmine e 428 maschi – di età compresa tra 8 e 22 anni. Il cervello differenze tra i sessi si evidenziano solo dopo l’adolescenza, ha scoperto lo studio.

Una tecnica speciale di scansione del cervello, chiamat imaging del tensore di diffusione, in grado di misurare il flusso di acqua lungo un percorso del nervo, ha stabilito il livello di connettività tra quasi 100 regioni del cervello, creando una mappa neuronale del cervello chiamata “connettoma”, ha detto il Professor Verma.

“[Questa tecnica] dice se una regione del cervello è fisicamente collegata ad un’altra parte del cervello e si ottengono differenze significative tra le due popolazioni “, sostiene il professor Verma.

“Nelle donne la maggior parte dei collegamenti va tra destra e sinistra tra i due emisferi mentre negli uomini la maggior parte delle connessioni va tra la parte anteriore e la parte posteriore del cervello,” ha detto.

Poiché i collegamenti femminili collegano l’emisfero sinistro, che è associato con il pensiero logico, con la destra, che è collegato con l’intuizione, questo potrebbe aiutare a spiegare perché le donne tendono a fare meglio degli uomini nei compiti intuitivi, ha aggiunto.

“L’intuizione è il pensare senza pensare. E ‘quello che la gente chiama sentimenti viscerali. Le donne tendono a essere migliori degli uomini in quei tipi di abilità che sono collegate con l’essere buone madri “, ha detto il professor Verma.

Molti precedenti studi psicologici hanno rivelato differenze significative tra i due sessi nella capacità di eseguire vari test cognitivi.

Gli uomini tendono a sovraperformare le donne nelle attività spaziali e nelle capacità motorie – come leggere una mappa – mentre le donne tendono a fare meglio nei test di memoria, come ad esempio ricordare parole e volti, e nelle prove di cognizione sociale, che cercano di misurare l’empatia e “intelligenza emotiva”.

Un altro studio pubblicato il mese scorso ha scoperto che i geni espressi nel cervello umano lo hanno fatto in modo diverso negli uomini e nelle donne. Test post-mortem sul cervello e sul midollo spinale di 100 individui hanno mostrato significative differenze genetiche tra i sessi, che potrebbero spiegare le differenze di genere  collegate a disturbi neurologici, come l’autismo, secondo gli scienziati della University College di Londra.

Ad esempio, una teoria sull’autismo, che colpisce circa cinque volte il numero di ragazzi rispetto alle ragazze, è che si tratta di una manifestazione del “cervello maschile estremo”, indicato da un difetto nell’essere in grado di mostrare empatia verso gli altri.

L’ultimo studio, pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, ha dimostrato che le differenze nei “connettomi” di maschi e femmine si sviluppano alla stessa età di insorgenza delle differenze di genere viste nei test psicologici.

L’unica parte del cervello in cui la connettività destra-sinistra era maggiore negli uomini che nelle donne era nel cervelletto, una parte evolutiva antica del cervello che è collegata con il controllo motorio.

“E ‘abbastanza sorprendente come siano realmente complementari il cervello di uomini e donne”, ha detto Rubin Gur della Pennsylvania University, co-autore dello studio.

“Mappe dettagliate dei “connettomi”del cervello non solo aiuteranno a capire meglio le differenze tra come pensano gli uomini e le donne, ma ci darà anche un quadro più chiaro delle radici di disturbi neurologici, spesso legati al sesso “, ha detto il dottor Gur.

Gilberto Gobbi

Fonte:  http://www.independent.co.uk/life-style/the-hardwired-difference-between-male-and-female-brains-could-explain-why-men-are-better-at-map-reading-8978248.html

Sorgente: Neuroscienze – Ruolo materno | Tempo e Spazio. Il blog di Gilberto Gobbi