massacri in Nigeria.

se questi morti fossero stati buddisti, il Dalai Lama avrebbe fatto sentire la sua voce?

Se questi morti fossero stati islamici, Gad Lerner ne avrebbe parlato?

 

I martiti cristiani sono il segreto meglio tenuto del secolo.

 

Nigeria, la strage degli studenti cristiani

Gli integralisti islamici dell’organizzazione terroristica Boko Haram hanno colpito di nuovo, ancora una volta nel nord-est della Nigeria, ancora una volta giovani inermi condannati perché «colpevoli» di voler studiare qualcosa di diverso dal Corano. 

Nel liceo federale di Bani Yadi i dormitori erano immersi nel buio. Alle 2 di notte tutti gli studenti dormivano nel silenzio delle camerate dove ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 18 anni sono alloggiati, lontani dalle loro famiglie proprio per poter avere una educazione «all’occidentale». La banda di assassini ha attaccato in piena notte, ha lanciato bombe a mano, sparato raffiche a ripetizione contro i giovani che tentavano di fuggire, finito i feriti con i machete e a coltellate. Poi ha dato alle fiamme l’edificio e si sono dileguati nel buio trafitto dalle urla dei sopravvissuti. 

Sono 43 i giovani ammazzati, quasi tutti maschi, decine i feriti, alcuni dei quali sono stati mutilati. Le ambulanze hanno continuato a fare la spola tra il collegio-scuola e gli ospedali di Damaturu e Buni Yadi per tutta la notte, all’alba i soccorritori stavano ancora cercando eventuali feriti sopravvissuti all’incendio. «Nell’obitorio abbiamo 43 cadaveri», ha detto nel primo pomeriggio un responsabile dell’ospedale di Damaturu, capoluogo dello stato di Yobe teatro dell’eccidio. Fuori, a decine, i familiari degli iscritti alla scuola presa d’assalto premevano per entrare e cercare traccia dei loro figli. Per riprendere il controllo della situazione è stato costretto a intervenire l’esercito, che è riuscito a riportare la calma, fortunatamente senza ulteriore spargimento di sangue. 

Dall’inizio dell’insurrezione, nel 2009, contro il governo del presidente Goodluck Jonathan (cristiano, originario della Nigeria meridionale), i Boko Haram hanno già compiuto eccidi di questo genere in numerose scuole del Paese. Tra l’altro Boko Haram significa proprio «l’educazione occidentale è proibita» ed è questo uno degli slogan più urlati per costringere la popolazione a sottostare alla legge islamica (la Sharia). 

L’anno scorso, in settembre, almeno 40 studenti erano stati massacrati in un collegio-scuola di agraria nella città di Gujba, sempre nello Stato di Yobe, dopo che in precedenza più volte avevano sparato contro le finestre dei dormitori. Intimidazioni poi sfociate nella strage. 

Yobe è uno degli Stati della Nigeria settentrionale maggiormente colpiti dalla «guerra santa» dei Boko Haram che hanno causato in meno di cinque anni migliaia di morti. Dallo scorso maggio il governo centrale ha decretato lo stato d’emergenza e l’esercito sta portando avanti un’offensiva senza precedenti contro i miliziani integralisti. Senza però registrare successi definitivi. 

Solo dieci giorni fa, il 15 febbraio, un attacco attribuito sempre ai Boko Haram aveva lasciato 106 morti nelle strade e nelle case devastate di Izghe, villaggio nello Stato di Borno, confinante con Yobe e terra d’origine del movimento fondamentalista. Qui la popolazione è a maggioranza islamica, ma sono molti a non voler seguire la Sharia e anche questi musulmani sono diventati un obiettivo per la sanguinaria campagna dei Boko Haram.

Comments

  1. questi signorini islamici estremisti rifiutano persino l’evidenza che la terra sia rotonda, perchè tale cosa non è riportata nel corano. Ieri, quando ho sentito la notizia, bhé, veramente, ci sono rimasta di sasso. siamo in pieno 2014, e c’è ancora "gente" che è ferma ancor prima del medioevo.

    Ma per tutto questo, che viviamo da secoli, questi conflitti religiosi, c’è sempre da ringraziare le religioni del padre padrone: ebraismo, islamismo, e cristianesimo. le tre religioni basate sul dio/maschio che spadroneggia. e a farne le spese, sempre e solo le donne, i bambini e la cultura/libero pensiero.

    la cosa che mi disgusta, di tutto questo fondamentalismo islamico, è che questi sub-umani (perchè io non li giudico affatto appertenenti alla razza umana dell’homo sapiens, e scusatemi tanto se mi rifiuto di considerare essere umano un uomo che getti acido sul viso di una donna, che mutili una bambina o che faccia esplodere una scuola frequentata da ragazzini) conoscono a memoria l’intero corano, ed è proprio l’unico libro che conoscono.

    ecco da dove nasce il fondamentalismo e più in generale, "la religione". Conoscere solo un talmud, una bibbia e un corano. Non aver, né voler,  leggere nient’altro.

    Religioni di stampo matriarcale non hanno sulla coscienza gli orrori delle religioni del padre padrone. questo è un dato di fatto.

    Non entro in merito, perchè rischierei di diventare prolissa, e poi non voglio invadere lo spazio di un blog altrui. Comunque, è bello vedere che su iobloggo qualcuno ha dedicato un post a questa vicenda, che è un orrore oltre ogni limite. Offende la dignità umana, e di rimando, la dignità della cultura.

     

Rispondi