maschi e femmine

I maschi ( in media, in maggioranza , è evidente che ci sono miriadi di eccezioni ) hanno un cervello pragmatico e razionale, le femmine ( in maggioranza , in media) un cervello emotivo e analogico. Se così non fosse non reggeremmo la presenza continua dei bambini piccoli e l’umanità si sarebbe estinta. A causa del testosterone i maschi hanno una maggiore aggressività e violenza. I tori sono meno abbordabili delle vacche. Durante l’era della pietra il ruolo del maschio è cacciatore e guerriero. Sono due ruoli che non possono essere svolti dove ci siano molte capacità empatiche. Se il cacciatore si commuove davanti al coniglio o al cerbiatto moriamo tutti di fame. I maschi hanno minori capacità delle femmine di capire le necessità degli altri e adeguarsi. Se le avessero non avrebbero potuto fare i cacciatori e saremmo morti. L’aggressività fa normalmente parte del bagaglio umano, se non fossimo aggressivi non saremmo migliori, semplicemente non esisteremmo , non ce l’avremmo fatta contro le tigri dai denti a sciabola e i mammut. Le femmine devono essere accoglienti , capire al volo le esigenze degli altri e accoglierle altrimenti farebbero morire i loro neonati e l’umanità si estinguerebbe. Il cervello maschile e femminile sono diversissimi. Già all’età di poche ore il neonato maschio gira il faccino verso un oggetto in movimento , le femmine verso le fattezze umane. Dopo aver letto un libro , il solito libro grondante vittimismo e odio per la storia, Dalla parte delle bambine , ho tediato i figli delle mie amiche con i soliti orrendi giocattoli neutri. Quando finalmente ho avuto un figlio io, ho tediato anche lui fino a quando finalmente zia Anna gli ha regalato una locomotiva: giocava solo con quella. Aveva meno di un anno. Il cervello maschile esaminato alla Tomografia a Emissione di Positroni prova un piacere fisico, molto simile a quello dell’orgasmo , quando guadagna denaro: il denaro infatti corrisponde etologicamente al territorio, senza il quale il maschi non può accedere al corpo femminile. Mentre una donna può essere miserabile e molto affascinante (Cenerentola) quando un uomo perde il lavoro o il ruolo è ferito nella virilità .
La virilità presuppone note di potenza selvatica. Un maschio addomesticato, depilato , inodore e insapore, che usa il deodorante dopo aver pulito il bagno con il viakal, è una perdita. Il cervello maschile e quello femminile sono completamente diversi. Noi siamo sempre maschi o femmina. Siamo maschi o femmina quando facciamo il genitore , quando facciamo il medico , quando compriamo un vasetto di marmellata , come ben sanno i pubblicitari. La differenza è basata sul fatto che ad ogni sesso facciano difetto le caratteristiche dov’è eccelle l’altro, così che ognuno abbia bisogno dell’altro. Se le competenze fossero uguali non ci sarebbe il bisogno e l’amore vero nasce dal bisogno . L’amore più potente che esista, il più totale e assoluto è l’amore del bimbo piccolo per la sua mamma, un amore puro interamente basato sul bisogno.
Segue
Silvana De Mari. 

Rispondi