La razza umana si è evoluta al sole!

La razza umana si è evoluta al sole.

La luce solare è il più importante integratore, la più straordinaria medicina che la natura abbia messo a disposizione dell’uomo.

L’efficienza e la vitalità di un essere umano dipendono da quanto è stato esposto al sole. Se noi non forniamo al nostro corpo il necessario per funzionare bene, lui continua a funzionare lo stesso, in qualche maniera: gli effetti negativi sono sottili, all’inizio poco evidenti, la capacità di adattamento fa che si manifestino dopo anni, quando non si è più in grado di stabilirne la causa. Come per gli alimenti, ci sono regole anche per la luce del sole, che diventa nociva quando, dopo essere stati all’ombra o al chiuso per stagioni, con la pelle bianca, ci si esponga per ore, così che si possano avere intossicazioni e ustioni. Le persone di pelle scura, provenienti da zone dove il sole è molto forte, hanno più melanina, e quando sono spostate alle nostre latitudini, necessitano di più sole.
Non disponiamo di studi che riguardino persone vissute all’ombra o velate, ma abbiamo innumerevoli studi su persone che vivono alla luce del sole e persone che vivono poco alla luce del sole e molto lontano dalla luce del sole e in luce artificiale, e possiamo estrapolare i dati di questi studi.
Dalla luce del sole e solo dalla luce del sole dipendono il metabolismo della Vitamina D e quello della serotonina. La luce del sole influenza il metabolismo del cortisolo e quello di tutti gli altri ormoni e neurotrasmettitori che seguono un ritmo circadiano, cioè che sono fabbricati in maniera diversa a seconda che ci sia luce o buio.
Le azioni del sole sulla pelle fino ad ora dimostrate sono:
Senza sole si ha un peggioramento dello stato emotivo (per mancata produzione di serotonina, la cui la mancanza causa depressione) della memoria e dell’apprendimento.
Aumento dei comportamenti aggressivi.
Perdita di forza del sistema immunitario, della forza fisica.
Peggiore tolleranza allo stress.
Aumento del livello di colesterolo nel sangue.
Senza sole non si ha una corretta produzione di vitamina D, senza la quale si hanno rachitismo, osteoporosi e carie.
Il sole dà un incremento del testosterone negli uomini e progesterone nelle donne.
Ha un effetto germicida, particolarmente brillante contro la tubercolosi.
È efficace contro affezioni cutanee (comedoni, psoriasi).
Diminuisce del rischio di sviluppare tumori, soprattutto del polmone e della mammella.
Maggiore statura.
Regolazione del ritmo sonno veglia.
Aumento della libido e della capacità riproduttiva.

La luce solare attiva la sintesi della vitamina D3, requisito indispensabile per il corretto assorbimento di calcio ed altri minerali. Questo significa che senza la luce del sole si hanno rachitismo, osteoporosi e carie.
Gli studi sulla correlazione tra mancanza di sole e rachitismo e osteoporosi appartengono alla prima metà del secolo scorso, perché da allora, l’esposizione sistematica al sole, le gonne si sono accorciate e andiamo al mare d’estate, hanno fatto sparire il rachitismo e ridotto enormemente l’osteoporosi. Fino al 1950 la vecchietta tipica, che era una persona che aveva portato per tutta la vita le sottane lunghe, le maniche lunghe e il fazzoletto sulla testa, era piegata ad angolo retto e guardava da sotto in su. Da quando abbiamo accorciato le gonne, non pieghiamo più la schiena. La vitamina D serve per la salute delle ossa e quella dei denti. Abbiamo però studi attuali sulla corrispondenza tra esposizione al sole e carie, assenze per malattie e rendimento scolastico. Ancora più gravi e meno risolvibili sono i danni da scarsità di serotonina e sono danni che influenzano tutto l’organismo.
Oramai si sta sempre più diffondendo una nuova scienza, la psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI). I neurotrasmettitori ( per esempio la serotonina è un neurotrasmettitore e senza esposizione del sole sulla pelle è carente ) influenzano anche il sistema endocrino e quello immunitario e viceversa. Un organismo dove ci sono delle carenze, e la mancanza di sole è una carenza, diventa globalmente deficitario.

La mancanza di sole è una malattia.
Ogni essere umano è la somma di natura e cultura. Dove la natura è calpestata, la cultura è arbitrio.

Il velo islamico era cultura, certo, fino agli anni sessanta e settanta. Ho girato moltissimo ne paesi islamici in quegli anni: erano paesi di gentilezza e costavano pochissimo, la meta ideale. Chiunque conosca i paesi dell’islam in quegli anni se lo ricorda. Il velo era scomparso dalle città, ma resisteva nelle campagne ed era qualcosa di talmente leggero da essere tradotto con la parola velo.
Il velo si portava sulle spalle, come uno scialle, e solo se la donna passava vicino alla moschea, o al gruppo degli uomini, se lo posava sulla testa. Si creava un gioco di seduzione, mi nascondo perché tu mi guardi, che non era solo con lo sguardo degli uomini, era con il mondo.
Il velo era bello. Sempre. Era la bandiera di una donna: lei lo aveva scelto con i colori che amava, quelli che le stavano meglio. Il velo era estetica, e decoro: sul vestito sdrucito e macchiato dai lavori, si metteva il velo, bello e colorato e si usciva in ordine. Il velo aveva anche, sempre, la funzione con cui era nato: nelle zone dell’islam del deserto era l’indispensabile protezione che salvava il viso, il respiro e ancora di più i capelli nelle tempeste di sabbia.
Quel velo non faceva ammalare nessuno. Non impediva nulla. Le ragazzine se lo toglievano, lo piegavano accuratamente su una panchina, e andavano a giocare a calcio con i maschi. Il velo era lieve e bello come un sogno. Un sogno cancellato dalla crudeltà di Khomeini, degli integralisti, un sogno scomparso, sotto questi orrendi teli spessi e neri, sotto le maniche sempre lunghe, le caviglie sempre coperte, i guanti, i burka.

Silvana De Mari