La morte di Charlie Gard sarà un razionale atto politico. Inizia ufficialmente il post-umano.

La sentenza omicida che condanna il piccolo Charlie Gard è un atto politico e come tale va affrontato.

La società del post umano si presenta  col suo volto ferino senza più bisogno di maschere.

La decisione della Corte europea dei diritti umani è che Charlie Gard, un bambino di meno di un anno, essendo nato il 4 agosto 2016, deve smettere di essere alimentato e deve morire perché non esiste al momento una possibilità di guarigione dalla sua malattia. Inutile l’opposizione dei genitori e la raccolta di oltre un milione di sterline per tentare una terapia alternativa negli USA, come riporta in un articolo con chiara sintesi Federico Cenci.

L’ostentata indifferenza della politica, del mondo della cultura e di ogni persona o soggetto di un qualche rilevanza, sono anch’essi messaggi inequivocabili. A fugare ogni possibile dubbio la vicenda parallela del cane “Iceberg” per la cui salvezza dalle leggi danesi ha smosso una “gara di solidarietà”.

 

 

Le due notizie messe a confronto sul medesimo quotidiano (La Stampa) rendono con immediata chiarezza e sintesi l’idea di una società che nell’animalismo ha equiparato uomini e animali per abbassare i primi al livello dei secondi, Charlie deve essere trattato come un cucciolo di cane che il veterinario sopprime non perché la morte è comunque imminente o per le grandi sofferenze (il caso dell’eutanasia), ma perché pur potendo vivere non può guarire, e al ‘padrone’ così non serve.

Il padrone non sono ovviamente i genitori ma non è neanche lo Stato, che semmai è inesistente, ma il Mondo Nuovo con la sua ideologia regolata dalle materialistiche leggi del mercato applicate ad una popolazione di uomini-animali.

Ed ecco quindi il messaggio trasmesso con la sentenza Gard:

1- La vita umana è quantificabile economicamente e vale quanto essa può produrre.

2- La vita umana deve quindi essere terminata immediatamente qualora non possa produrre.

3- La vita umana deve essere quindi essere terminata in ogni caso qualora il costo del suo mantenimento risultasse troppo elevato e non remunerativo.

4- La vita umana non è nella disponibilità del singolo o dei genitori, nel caso di minori, ma di appositi tribunali che sentenziano la condanna a morte. Tale condanna non è più comminata in nome di un principio di colpevolezza ma in nome di un principio di inutilità e dispendiosità.

5- L’eugenetica si avvia ad essere oggetto di giurisprudenza in quanto una “cattiva genetica” sarà considerata un onere per la società e quindi un’inammissibile passività.

6- Non serve più dissimulare questi obiettivi in quanto sono stati metabolizzati dall’opinione pubblica. Allo stesso tempo quella parte di essa che vi si oppone non ha accesso ai media né la capacità di organizzare proteste in grado di produrre effetti.

E’ l’ingresso ufficiale nell’era del post umano, un’era iniziata decenni fa camuffandosi e proponendosi sotto buoni propositi necessari per carpire il consenso, oggi in una società sempre più distratta e ripiegata ne proprio egoismo, la sentenza Charlie Gard dichiara che questa fase è conclusa.

Adesso il volto ferino è scoperto, la maggioranza della popolazione ne è in ipnotica adorazione, dei restanti nessuno sembra in grado di opporsi con efficacia.

 

Enzo Pennetta

 

Sorgente: La morte di Charlie Gard sarà un razionale atto politico. Inizia ufficialmente il post-umano.