L’ultimo elfo

www.ioamolitalia.it/

a questo indirizzo ho trasferito i miei articoli di politica.

Ora vorrei ricominciare a parlare di storie. Della saga. L’ultimo libro uscirà a novembre e sarà bellissimo.

Ho voglia di parlare di questa storia.

Riporto qualche domanda che mi è stata fatta, siamo ancora al primo libro, L’Ultimo Elfo.

Da dove viene il nome di Yorsh?

Il lungo nome ha tre funzioni: chiarire che Yorsh è un eroe per destino con il
destino scritto nel nome, mentre Rankstrail, eroe per scelta, è il bambino che
non avrebbe nemmeno dovuto esistere. La seconda funzione è tirare fuori qualche
risata con la ripetizione della gag di far scambiare il suo nome per tosse,
starnuti o altro. Terzo ricordare come qualcosa che è normale in una lingua ( o
una civiltà) può risultare buffo in un altra, per ricordarci che le regole nel
nostro cortile non sono le leggi dell’universo

A cosa si è ispirata per questo orfanotrofio?
Anche ai miei tempi c’erano orfanatrofi tremendi,il più famoso, tristemente
famoso, quello dei Celestini e quello di Maria Diletta Pagliuca.
Quello rappresentato, però è un orfanatrofio sovietico. I bambini dei genitori
uccisi da Stalin venivano ricoverati in orfanatrofi tremendi, con tassi
di mortalità per malattia e denutrizione tremendi, dove i bambini erano costretti
a dichiarare l’indegnità dei loro genitori. Bambini di dodici anni sono stati
fucilati per essersi rifiutati di farlo.

 

Chi sono gli elfi?

Negli elfi si sommano caratteristiche degli armeni, degli ebrei e dei tutzi, la popolazione sterminata in Ruanda, che era stat l’aristocrazia guerriera. Il popolo vittima di un genocidio vero, uno sterminio totale che comincia dai bambini, è sempre un popolo che ha un superiorità intellettuale sugli sterminatori.



 

Segue: domani qualcosa su Rankstrail

Sdm