Dato di realtà

DATO DI REALTA’

“Il dato di realtà è che il feto si sviluppa come maschio o come femmina a partire dal patrimonio genetico e dall’apparato ormonale.
Alla nascita, ora anche prima con l’ecografia, ogni individuo viene identificato come maschio o come femmina, dalla conformazione degli organi sessuali esterni e come tale gli viene attribuito un nome e codificato con un’identità maschile o femminile. L’identità sessuale biologica è legata al fatto di avere un assetto ormonale a prevalenza di testosterone o di estrogeni primari o secondari morfologicamente di tipo maschile o femminile.
Non sono solo i genitali che fanno un uomo o una donna: essi sono la struttura su cui e da cui si parte per costruire l’identità psicosessuale.
Il bambino e la bambina con la nascita entrano a far parte dell’interazione familiare e del contesto sociale, si immergono in un insieme di regole e di comportamenti e si confrontano con le attese familiari e sociali, relative al proprio genere di appartenenza.
Nel tempo in ogni gruppo sociale si sono codificati dei ruoli, che sono attribuiti a ciascun sesso, a cui ognuno si deve adeguare. In ogni famiglia vi è una percezione particolare sull’identità di ogni membro.
Così, con la nascita inizia il percorso individuale di acquisizione, di strutturazione e di consolidamento dell’identità psicosessuale, che prevede fasi differenti”.

 

Gilberto Gobbi