cristiani siriani

Gli orchi esistono.

Gli orchi sono coloro che uccidono intenzionalmente i bambini e mostrano fierezza per l’assassinio.

I popoli degli orchi sono i popoli dove si balla per le strade alla notizia che due grattacieli stanno bruciando, che le persone stanno morendo scegliendo se bruciare vive o buttarsi, e i padri degli assassini costruiscono altari perché la criminale memoria dei loro figli sia onorata.

I popoli degli orchi sono i popoli dove si balla per le strade alle notizie che dei bambini sono stati uccisi, e le madri raccontano orgogliose che i propri figli hanno messo i bambini sui treni, li hanno messi nelle camere a gas, hanno fatto saltare la scuola dove erano in centinaia per festeggiare

l’inizio dell’anno scolastico, li hanno sgozzati nei loro letti e non si sono fermati davanti a una bambina di tre mesi.

I popoli degli orchi sono i popoli che insegnano ai propri figli come il massimo dei destini possibili sia sterminare anche a costo della propria vita, perché gli orchi odiano la vita, la disprezzano, anche la propria. I popoli degli orchi hanno per i popoli liberi l’odio che i nati morti hanno per i

vivi e i nati servi hanno per i liberi.

Gli orchi esistono e devono essere fermati.

Devono essere battuti.

Devono essere fermati e battuti perché difendere i propri figli dagli orchi è un dovere e gli orchi si fermano solo militarmente.

Quando un popolo gioisce dell’uccisione intenzionale di un bambino non ci sono margini di dialogo, e chi afferma che quei margini ci siano sta solo favorendo gli orchi.

Quando un popolo gioisce dell’uccisione intenzionale di un bambino non si fanno più ponti, perché non è l’epoca dei ponti, perché sarebbero ponti fatti di cadaveri su cui eserciti di orchi marcerebbero per fare altri cadaveri; si devono tirare su mura, come le mura dei castelli che hanno protetto gli inermi negli assedi.

Perché solo fermandoli, e solo battendoli, gli orchi potranno essere salvati.

Gli orchi esistono e devono essere salvati, perché anche loro sono fratelli. Gli orchi si salvano fermandoli e dicendo loro la verità. La verità è che sono orchi, perché chi uccide un bambino intenzionalmente e ne gioisce non è più un uomo, e la verità è che gli orchi possono e devono diventare uomini.

Questo la nostra anima lo sa. Non sempre lo sa la nostra

parte cognitiva, quello che Einstein chiamava il servo, ma

lo sa la nostra anima emotiva, l’intuito, il dono come diceva

Einstein.

Questo è il motivo per cui amiamo il fantasy.

Un libro scritto dal paese degli orchi è Il paese del male. E’ un libro terribile, che racconta una verità sconvolgente: la perdita assoluta della compassione, la misericordia come colpa, la ferocia come merito.

La Siria è la seconda culla della cristianità, mentre andava in direzione di damasco San Paolo è stato illuminato, le trecento chiese più antiche erano in Siria ed ora non esistono più. Le lettere che stiamo ricevendo dalla Siria sono terrificanti. Per sottrarsi a una ferocia che non ha confini, 800 cristiani da due anni sono rifugiati in Libano. sta dando loro l’unica fonte di sussistenza di cui dispongono la onlus WECARE di Asti.

WECARE onlus  IBAN IT68X0303210300010000001482

Il conto postale 73840522

Specificando per Cristiani Siriani

E per chi volesse donare il suo 5×1000 il codice fiscale è 01330580059

 

Rispondi