Beatles e satanismo.

Noi apparteniamo a una civiltà cristiana. I Beatles si dichiararono anticristiani, cioè contrari alla civiltà da cui sono nati, una perdita di identità, e nella copertina di un LP fecero un aperto omaggio al fondatore del satanismo moderno. Potete considerare questo un’innocente birichinata, ma i fatti questi sono e non sono negabili. Siete credenti , a messa tutte le domenica e i Beatles vi facevano impazzire? Niente di grave, un mucchio di atei convinti adora il Magnificat di Bach. Ma non vi sognate di negare che A) i Beatles si dichiararono anticristiani B) fecero in una copertina una dedica al maggiore satanista contemporaneo. Vi piacevano tanto, sentendo le loro canzonette eravate contenti? Beati voi. Io le odiavo e dovevo sentirle lo stesso. Che i Beatles vi piacessero non nega la realtà storica dei punti A e B) A mezzo secolo di distanza siamo arrivati a Marilyn Manson. Voi dite che la copertina dei Beatles e il loro dichiararsi anticristiani non c’entro un fico con i simboli satanico di Madonna e Lady Gaga e Manson? Ma certo, come no? La musica ha una potente azione di modificare il nostro stato mentale. Per una persona stabile le baracconate di Marylin Manson sono solo fastidiose, per chi sia già molto fragile , possono essere la spinta. Le psicosi sono contagiose. È molto facile modificare lo stato mentale con la musica sommata alle parole e alle immagini. Ci sono video con musiche molto dolci e immagini di paesaggi che ci calmano, video che possono dare la spintarella verso la perdita del controllo in persone già molto fragili e già molto disturbate. Un paio di sparatorie negli USA furono fatte da gente ( già pazzerella di suo, certo) che in un certo tipo di musica ha trovato la spinta finale. Marylin Manson ha fuso nel suo nome d’arte il nome di una donna e di un uomo, Marylin Monroe e Charlie Manson, attualmente all’ergastolo per il massacro di Sharon Tale, incinta di 8 mesi, e altre 4 persone , un massacro compiuto con una ferocia inaudita, una precisione impeccabile, senza lasciare impronte e lasciando al proprio posto denaro , gioielli e droga. Col sangue delle vittime fu scritta la parola pigs, maiali, il titolo di una canzone. Marilyn Monroe, cui il cantante deve la prima parte del suo nome fu un’attrice con una storia tragica: pluri adottata, pluri affidata, da una famiglia all’altra, da un dolore all’altro , da una disperazione all’altra trovó la strada di essere una bomba sexi. Tutti la ricordiamo mentre canta Happy Birthday to you a JFK ubriaca e con un vestito dorato che le era stato letteralmente cucito addosso. È possibile che la sensualità di Marylin servisse a placare il terrore dell’abbandono . Su Manson e il massacro di SharonTale ci sarebbe molto da dire, ma non è questa la sede. La conclusione è che ai nostri adolescenti arrivano i video di Manson, quelli di Lady Gaga che si fa torturare, (You and I) quella della ex Hanna Montana che si taglia le dita (We can’t stop). Una delle cause del dolore adolescenziale, non sarà l’orrore dei video da cui sono bombardati?
 

Rispondi