“I cani come i bambini”, cattiva informazione sul Corriere

Sulla linea di una pretesa uguaglianza tra animali ed esseri umani che vede nel bioeticista Peter Singer il suo più noto esponente, il Corriere della Sera ha pubblicato il 6 giugno una notizia scientificamente infondata e dalle implicazioni antropologiche molto forti. “Ma i cani possono essere gelosi?” un titolo in sé insignificante, una domanda che non avrebbe sfigurato in un talk show …

The Red Pill: il film che le femministe non vogliono farti vedere

  Al di là del frame femminista ecco la discriminazione sessuale che nessuno vuole vedere, quella a danno dei maschi. Una realtà raccontata con i crudi argomenti delle cifre.     Cassie Jaye è una giovane regista americana, femminista da circa dieci anni. I suoi primi due documentari hanno trattato tematiche molto mainstream. Daddy I Do (2010)     parla dell’educazione sessuale delle …

Studio smonta in un sol colpo gender e evoluzionismo

Riporto qui di seguito un interessante articolo di Marco Respinti riguardo uno studio sulle differenze nell’espressione di ben 6.500 geni tra maschi e femmine nella specie umana. Nel presentarlo aggiungo solo che personalmente al posto di “evoluzionismo” userei il termine “teoria darwiniana” Enzo Pennetta STUDIO SMONTA IN UN SOL COLPO GENDER E EVOLUZIONISMO di Marco Respinti La Nuova Bussola Quotidiana 27-05-2017 …

Dat, il cavallo di Troia si chiama eutanasia

Prendo spunto dal recente editoriale apparso su Avvenire il 30 marzo scorso, a firma del prof. D’Agostino (Presidente nazionale dell’Unione Giuristi Cattolici) e di seguito commentato – tra gli altri – da Marco Ferraresi (presidente della sezione di Pavia) e dal consigliere di Cassazione Giacomo Rocchi. In estrema sintesi, secondo il professore il ddl sulle Dat non sarebbe in alcun modo …

Gli attentati islamici in Europa: “strategia della tensione per rafforzare l’establishment”

  Gli attentati come quelli al Bataclan o a Londra o a Berlino servono per rafforzare il potere costituito, quindi sono auto attentati dei governi francese, inglese e tedesco. Lo hanno detto chiaramente fonti autorevoli come Edward Luttwak e l’editorialista Franco Venturini del Corriere della Sera.   Solo nel regno del bipensiero gente come il politologo, ben inserito negli ambienti …

Mondo Nuovo, Globalizzazione e psicodittatura

“Un governo del terrore funziona nel complesso meno bene del governo che, con mezzi non-violenti, manipola l’ambiente e i pensieri e i sentimenti dei singoli, uomini donne e bambini.” da Ritorno al Mondo Nuovo, Aldous Huxley, 1958 Dal blog “Di male in meglio”  Di Arianna Pomozzi E lei gli parlava della musica soave che esce da una cassetta e di …

L’ultimo uomo: l’ubbidiente democratico

Se non sarà un Dio a salvarci, pure, l’unica speranza su cui contare è un alcunché di divino e pericoloso: nuove narrazioni filosofiche. di Gabriele Zuppa – 21 marzo 2017 (L’intellettuale dissidente) L’ultimo uomo non vuole essere infastidito, disturbato, chiamato a pensare, «chi sente diversamente va da sé al manicomio» – spiega Nietzsche nel Prologo di Così parlò Zarathustra. Nondimeno …

Mito contro realtà: il suffragio universale in Gran Bretagna

Quando si parla di suffragio universale, in genere ci si riferisce sempre al fatto che finalmente le donne poterono votare per la prima volta. Film, libri e serie TV sulle suffragette ormai non si contano più, e anche a scuola il discorso è più o meno lo stesso. L’idea che, più o meno implicitamente, viene veicolata è che, prima del …

8 marzo, l’ultima trappola per le donne

La rivendicazione dei diritti delle donne è stata fin dal principio strumentalizzata per altri fini. La vera lotta delle donne passerà solo per un riconoscimento di questo dato e da un conseguente rifiuto delle passate e attuali strumentalizzazioni. . La festa della donna nacque dal congresso dell’Internazionale socialista che nel 1907 si riunì per discutere tra altre questioni anche quella, ma …

Deaton e la disuguaglianza

Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa Università degli Studi di Firenze Angus Deaton, il premio Nobel per l’economia del 2016, ha recentemente contribuito con un suo articolo ad un dossier dedicato da Le Scienze (novembre 2016) sulle minacce globali future, parlando di disuguaglianza. Come spesso succede quando un grande studioso sintetizza per lettori non specialisti le sue riflessioni su …