Diceva Churchill che fino a che esisterà la tremenda religione chiamata islam, un terzo della popolazione mondiale sarà mantenuta nel sottosviluppo intellettuale e nella barbarie più abbietta, ma soprattutto non potrà considerarsi abolito lo schiavismo, perché nell’islam le donne sono schiave. D’accordo, Churchill non è un gioiello di simpatia. Paragonata a Churchill la signora Thatcher è una via di mezzo tra Haidy e Madre Teresa di Calcutta. Un po’ più simpatico di Churchill è Claude Levi Strauss, fondatore della moderna antropologia, l’autore della mitica teoria secondo cui criticare una religione equivale a un atto di razzismo, perché quella religione è comunque stato il meglio che gli uomini e le donne che l’hanno prodotta potevano fare in quella situazione. Peccato che tutti si dimentichino sempre che Claude Levi Strauss riteneva l’islam non una religione, visto che manca assolutamente del requisito primo per essere definiti religioni: la spontaneità. Levi Strauss riteneva l’islam l’antireligione, il mostro ( cito testualmente). Dal punto di vista antropologico l’islam non è una religione, ma un sistema politico militare nato per distruggere la libertà dell’uomo, la dignità della donna e per asservire il mondo.

Fino che non scomparirà.

La religione dei faraoni è durata tremila anni ed è scomparsa in due generazioni, con la forza della parola, e non avevano nemmeno internet. Le religioni o i sistemi politici militari scompaiono quando non sono più in grado di reggere il paragone con i tempi. Secondo Bernard Levy, il più grande islamologo vivente, la violenza dell’islam nasce dalla coscienza di una debolezza intrinseca paurosa. L’islam non regge il confronto con la libertà di parola. Stava già agonizzando nell’800 ed è ora artificialmente tenuto in vita dai quattrini del petrolio e dalla violenza del terrorismo. Deve conquistare il mondo con urgenza, o scomparirà. Ne conquisteremo i figli. La libertà è come l’acqua, non è fermabile, abbatte le dighe, infiltra gli argini.