25 aprile

Perché la bandiera della bandiera ebraica secondo i simpatici zuzzerelloni dei centri sociali e della sinistra che più di sinistra non si può non deve esserci ai cortei del 25 aprile: quella bandiera ricorda la legittimità dell’esistenza dello Stato di Israele..
Nessun paese arabo ha mai sviluppato una ricerca storiografica. Non esistono le facoltà universitarie per farle, non esiste il metodo. Esattamente come non esiste ricerca scientifica: la storiografia in effetti è una scienza. Unica eccezione è un impegno nella ricerca tecnologica di tipo militare ( atomica pakistana, atomica iraniana) di seconda mano, però, su tecnologia straniera, in genere sovietica i russa o cinese.
Vi è in compenso una larghissima diffusione di una metastoria, un’interpretazione fantastica e completamente falsa di quello che è successo ad uso dell’ideologia religiosa e nazionale e questa fantastica metastoria sta invadendo sempre di più, i media ma anche i testi occidentali nelle scuole.
Una lettura deformata dei fatti porta all’accusa dello Stato sionista “creato” da potenze occidentali e USA per levarsi gli ebrei di torno e per i sensi di colpa della Shoà. All’Europa e agli Stati Uniti mai è venuto in mente di muovere un dito per gli ebrei. Gli USA hanno osteggiato la nascita dello stato di Israele. La potentissimo lobby dei petroliferi statunitensi è sempre stata violentemente anti israeliana: per evitare di inimicarsi con conseguente aumento del greggio i grandi produttori di petrolio. Gli Usa non hanno nemmeno riconosciuto Israele alla sua nascita. La lobby del petrolio impedì a Troumann di farlo. Solo un vecchio Churchill senza più potere, che pure anche lui per antisemitismo si era fatto sentire, ormai senza alcun potere parlò per l’esistenza dello stato di Israele.

La nascita di Israele non fu dovuto alla “ benevolenza” nei suoi confronti degli stati europei per compensare la Shoa: la benevolenza degli stati europei era zero e della shoa non fregava niente a nessuno, De Gaulle non voleva nemmeno sentirne parlare. Non fregava niente a nessuno dal punto di vista politico, non fregava niente a nessuno dal punto di vista intellettuale: “Se Questo è un uomo “ fu rifiutato dalla Einaudi esattamente come libri analoghi furono rifiutati da altri editori. Fu solo negli anni 50 e 60, quando l’URSS dovette spostare l’attenzione dai suoi gulag, che si scoprì la Shoa. Piangere la Shoa, tanto non era un problema, ormai erano morti, permetteva inoltre di aggredire Israele, che invece proteggeva ebrei vivi, evitando l’accusa di antisemitismo. La Shoa inoltre permise e permette di separare ebrei perbene, quelli in coda davanti alle camere a gas con i loro bambini, che ci hanno dato la possibilità di fare vtanti bei film, ed ebrei catiivi, quelli che i loro figli li divendono mitragliate. Inoltre questa fantastica metastoria trasforma Israele in uno stato coloniale, una stato quindi formato da una madrepatria occidentale che sposta i suoi cittadini su un luogo non occidentale.

La nascita di Israele fu il premio per essersi schierata di fianco agli alleati: La Dalmazia, che era italiana fu data alla Yugoslavia perché aveva combattuto di fianco agli alleati e fu tolta all’Italia che era stata una potenza dell’asse. La città dove è nato Kant non è più un pezzo della Germania perché sempre, diritto internazionale, che combatte dalla parte sbagliata perde il territorio. Israele non è stato “regalato” dalle potenze europee, ma conquistato dal valore della brigata ebraica, 60000 uomini su una popolazione di mezzo milione di abitanti, un israeliano su 10, calcolando anche donne, vecchi e bambini , un israeliano su tre calcolando solo gli uomini validi, ha combattuto contro il nazifascismo. I palestinesi hanno combattuto con il nazifascismo, titolari anche con i bosniaci di una divisione ss, la tredicesima. Negli anni 40 la bandiera palestinese era una svastica.

È stato un patto rispettato. Israele l’hanno conquistata gli israeliani con il sangue della brigata ebraica.

La tragedia è che a quel punto su inventato il popolo palestinese, e l’invenzione del popolo palestinese è verbalizzata in questo senso anche dai capi di Fatah e Hamas: noi siamo in tutto e per tutto arabi, non appena Israele sarà distrutto torneremo a fonderci con la grande nazione araba.

Se gli Italiani avessero rifiutato di accogliere i profughi dalmati, ( sono stati riassorbiti nel giro di una decina di anni) e li avesse rinchiusi in campi profughi al confine di Trieste, ci sarebbe una questione dalmata.

La tesi di Israele stato coloniale fatto dall’Europa e dagli USA ( usa che nemmeno riconobbero lo stato ebraico alla sua nascita) è la fantastica geopolitica su cui sono fondati i deliri di Iran, palestinesi, Al Quaida, Isis, ma anche di tutti i paesi arabi cosiddetti moderati, semimoderati, molto moderati che di più non si potrebbe, moderati un pochino ma non toccatemi la sharia.

Libri Consigliati
Fascismo Islamico Carlo Panella Rizzoli
Il complotto islamcio Carlo Panella Lindau
Eurabia, Bet Ya or, Lindau

Nel frattempo ricordiamoci chi ha combattuto dove
Oriana Fallaci staffetta partigiana di Giustizia e libertà.
Primo Levi Giustizia e Libertà.
Dario Fo: repubblica di Salò. ( ma non lo sapeva: con tutte quelle divise credeva fossero i boy scout, per questo non lo ha mai detto. La cosa mostruosa è che Fo Dario abbia denunciato i primi giornalisti che hanno osato dire la verità su di lui: il coraggio di fare il disertore non lo ha avuto, quello della libertà nemmeno.- Dario Fo, fascista combattente ha guidato mostruosi cortei che il 25 aprile hanno festeggiato bruciando bandiere degli Stati Uniti e di Israele. A tutte le famiglie delle migliaia di uomini morti sul suolo italiano il ringraziamento del fascista Fo Dario e dei Fascisti dei centri sociali. La bandiera ebraica è la bandiera della brigata ebraica, oltre che di quei morti che Fo Dario ha collaborato a mettere sui treni)
Gunter Grass SS ( ma non lo sapeva: con tutte quelle divise credeva fossero i boy scout, per questo non lo ha mai detto.)
Guido Pasolini, fratello di Pier Paolo, partigiano, massacrato nel 44 con tutta la sua brigata a Porzius da partigiani comunisti. I partigiani comunisti cominciarono a sterminare gli oppositori già nel 44, soprattutto altri partigiani: persone coraggiose, che sapevano combattere e che non si poteva accusare di connivenza col fascismo.

Le frasi storiche, tanto per chiarire chi era da una parte e chi da un’altra.

Il nazismo ha due anime tedesca e islamica, Io Adolf Hitler ( Adolf Hitler 22 novembre 1941 Berlino) In tale occasione fu fondata la XIII divisione SS, la divisione islamica bosniaco palestinese, che si contraddistinse per la sua ferocia contro cristiani e ebrei. L’anima islamica era quella del Gran Mufti di Gerusalemme, Haj Amin Al Husseini, che dichiarò che il Nazismo e l’islam avevano gli stessi valori e gli stessi nemici. Gli stessi nemici: gli ebrei, il cristianesimo, il concetto di democrazia e di libertà. Gli stessi valori: l’odio e la volontà di sterminare gli ebrei, di annientare o asservire scienza e cultura, di sommergere la civiltà europea in un mare di sangue così da farne tabula rasa.

Fino al novembre 1942 il progetto era la pulizia etnica, espulsione degli ebrei. Dopo questa data, nel febbraio 1942 arriva il progetto detto soluzione finale: lo sterminio. Non abbiamo prove certe, ma non è inverosimile che lo sterminio, assolutamente antieconomico, delirante e contrario alla civiltà tedesca, fosse una richiesta del Gran Mufti per evitare che gli ebrei espulsi arrivassero in Palestina.

E ora la bandiere dell’inesistente stato terrorista di Palestina sventolano al 25 aprile.

Una democrazia può vivere ed essere fiera di sé stessa anche se ha la sua inevitabile quota di venduti e cretini.
Tranquilli: ce la faremo.
Ricuperiamo la storia, e la storia è quello che veramente è successo.
Non può essere reinventata.